La Bicocca in carcere: nasce il nuovo polo carcerario

bicocca in carcere

Venerdì 28 giugno alle ore 11 nella Sala Rodolfi dell’Università di Milano–Bicocca (Rettorato, 4° piano edificio U6), piazza dell’Ateneo Nuovo, 1 si terrà la presentazione dell’’accordo tra l’Università di Milano-Bicocca e il Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria (PRAP) per la Lombardia, che ha l’’obiettivo di sviluppare attività scientifiche, culturali e didattiche presso gli Istituti Penitenziari di Milano e Monza.

La convenzione, rivolta al personale in servizio, ai detenuti e agli studenti dell’Ateneo milanese, prevede in particolare la realizzazione di un polo universitario presso le Case di Reclusione di Milano Bollate e Milano Opera.

Il progetto triennale si propone di potenziare le occasioni formative e di accrescimento culturale del personale dell’amministrazione penitenziaria, di offrire agli studenti dell’Università di Milano-Bicocca opportunità di stage, tirocinio e percorsi di formazione post-laurea nel contesto penitenziario, di sviluppare e diffondere attività didattiche a favore dei detenuti negli istituti penitenziari.

Partecipano:

Marcello Fontanesi, rettore dell’Università di Milano-Bicocca

Aldo Fabozzi, provveditore regionale dell’Amministrazione Penitenziaria

Alberto Giasanti, docente di Sociologia del diritto e del mutamento sociale dell’Università di Milano-Bicocca e membro responsabile della commissione paritetica Università di Milano-Bicocca e PRAP

 

Saranno presenti:

Fabio Angelo Fanetti, presidente della Commissione speciale situazione carceraria in Lombardia

Lucia Castellano, vicepresidente della Commissione speciale situazione carceraria in Lombardia

Lamberto Bertolé, presidente della Commissione carcere del comune di Milano

Mirko Mazzali, vicepresidente Commissione carcere del comune di Milano

Donato Giordano, garante dei diritti dei detenuti della regione Lombardia

Alessandra Naldi, garante dei diritti dei detenuti del comune di Milano

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano, manifesti di tre rettori per richiamare gli studenti dall'estero

Next Article

"C'è crisi? Divento truccatrice di morti"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".