L.U.P.T. per le donne, la ricerca e l’innovazione

Giornata informativa: “Valorizzare la presenza femminile nella ricerca e nell’innovazione”

Valorizzare la presenza femminile nella ricerca e nell’innovazione” è stato il tema della giornata informativa organizzata dall’ APRE in collaborazione con il L.U.P.T., il Centro Interdipartimentale di Ricerca dell’Università di Napoli Federico II diretto dal prof. Guglielmo Trupiano.

Donne, ricerca e competitività: queste le parole attorno alle quali si sono confrontati i relatori dell’evento, che ricade all’interno del ciclo di incontri che l’APRE ha previsto nelle regioni Obiettivo Convergenza e che è stato ospitato dal L.U.P.T.
Si è parlato di buone pratiche ma anche esperienze di vita quotidiana, problemi e carriera. Questo il valore aggiunto dell’evento: testimonianze al rosa, sia imprenditoriali sia scientifiche ma, soprattutto, umane.
A confronto istituzioni, ricercatrici ed imprenditrici, trasferendo le buone pratiche figlie del Programma Operativo Nazionale di Ricerca e Competitività 2007/2013.

“Quando non ci sarà più la necessità di organizzare un convegno sulle pari opportunità, vorrà dire che avremo raggiunto un obiettivo. Ora ne abbiamo ancora bisogno” le parole di Matilde Mirandola di Studio Staff, esperta di gestione delle risorse umane, donne e leadership.

“Ruoli strategici al femminile, flessibilità, conciliazione, telelavoro: pratiche di genere e di innovazione non sono solo oggetto di studio, ma soprattutto la conferma della nostra visione d’avanguardia” ha affermato il direttore del L.U.P.T, la struttura più grande della Federico II con undici aree di ricerca, sei centri studio, cinque centri strategici tra cui la scuola di alta formazione e management, tre centri servizi, due osservatori e un’agenzia interna.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rettori decaduti, per 41 docenti la legge parla chiaro

Next Article

Politecnico di Milano, boom di domande di studenti stranieri

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa