Iniezioni di cellule sensibili alla luce, e i topi tornano a vedere

Topi completamente ciechi hanno riacquistato la vista grazie all’iniezione nell’occhio di cellule sensibili alla luce. A rivelarlo e’ una ricerca dell’Universita’ di Oxford (Uk) che spera con questo primo passo di mettere a segno una terapia per le persone colpite da una malattia degenerativa degli occhi. Ad esempio per chi e’ affetto da retinite pigmentosa.

Una patologia che causa una graduale perdita delle funzionalita’ delle cellule della retina sensibili alla luce e puo’ portare alla cecita’. I ricercatori hanno iniettato nell’occhio dei topi delle cellule precursori che una volta stabilizzatesi, sono bastate due settimane, si sono trasformate in elementi costitutivi di una nuova retina.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista ‘Proceedings of the National Academy of Sciences’. “Abbiamo ricreato l’intera struttura della retina – afferma Robert MacLaren, autore della ricerca – ed e’ la prima prova che prendendo un topo completamente cieco si e’ riusciti a ricostruire l’intero strato della retina sensibile alla luce”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Livorno la prima spin-off accademica

Next Article

Un calamaro gigante a 900 metri di profondità

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.