INDAGINE COLDIRETTI. Pony express, call center e spazzini: le aspettative di lavoro dei giovani

coldiretti, giovani e lavoro

Piu` di un giovane su tre (34 per cento), pur di lavorare, farebbe volentieri il pony express, il 32 per cento lo spazzino e il 31 per cento l`operatore di call center. E` quanto emerge da una analisi Coldiretti/Swg divulgata in occasione dell`incontro tra i ministri delle Finanze e del Lavoro di Francia, Germania, Italia, Spagna, sul lavoro. Secondo l`indagine Coldiretti/Swg oltre 4 giovani disoccupati su 10 (43 per cento) sarebbero peraltro disposti, pur di lavorare, ad accettare un compenso di 500 euro al mese a parità di orario di lavoro, mentre il 39 per cento sarebbe propenso ad un maggiore orario di lavoro a parità di stipendio. Le prospettive negative sul futuro fanno sì che la situazione non cambi di molto tra gli studenti che nel 39 per cento sono disponibili ad accettare uno stipendio ridotto a 500 euro al mese e nel 35 per cento a lavorare piu` a lungo a parità di compenso.

La situazione è profondamente diversa – rileva l`indagine Coldiretti/Swg – per i giovani occupati che solo nel 7 per cento dei casi sono disponibili ad accettare lo stipendio ribassato mentre nel 23 per cento dei casi sono pronti a lavorare piu` a lungo. Ma in sogno – continua la Coldiretti – si prevede un futuro diverso con il 38 per cento dei giovani che preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che lavorare in una multinazionale (28 per cento) o fare l`impiegato in banca (26 per cento). La realtà è purtroppo diversa e, per la prima volta dal dopoguerra, il 61 per cento dei giovani italiani pensa che in futuro la loro situazione economica sarà peggiore di quella dei propri genitori, il 17 per cento uguale e solo il 14 per cento migliore, mentre il 9 per cento non risponde. Nonostante questo – sottolinea la Coldiretti – solo il 36 per cento non farebbe mai il lavoro dei propri genitori, il 30 per cento lo farebbe senza entusiasmo, mentre solo per il 28 per cento sarebbe interessante.

Il 59 per cento dei giovani studenti Italiani è pronto ad espatriare perché non vede nel futuro prospettive occupazionali in Italia. La volontà di lasciare il Paese – sottolinea Coldiretti – riguarda anche i giovani disoccupati (53 per cento) e coloro che hanno già un lavoro (47 per cento) del quale evidentemente non sono soddisfatti. Si è rotto quel legame che ha unito intere generazioni di italiani al proprio territorio anche perché – continua la Coldiretti – il 73 per cento dei giovani ritiene che l`Italia non possa offrire un futuro contro il 20 per cento che ha invece una visione positiva. Un Paese come l`Italia che deve affrontare la crisi non puo` correre il rischio di perdere a energie e risorse fondamentali per la crescita a causa dell`emigrazione e della disoccupazione. Con una classe dirigente nazionale che ha una età media di 58 anni, la prospettiva di abbandono del Paese, evocata dalla maggioranza dei giovani italiani, è una vera priorità alla quale le istituzioni devono dare una risposta anche perché – conclude la Coldiretti – l`analisi dimostra che, se inseriti in un contesto che offre spazio alla realizzazione personale, i giovani dimostrano di credere di più all`Italia come dimostra il fatto che i risultati si invertono tra i giovani agricoltori che, per la maggioranza relativa (45 per cento), pensano che l`Italia possa offrire un futuro.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scala pianoforte che ti convincerà ad abbandonare le scale mobili

Next Article

Idee copiate e meno amici. E la fine di facebook?

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"