Incontro Miur – Giovani medici: il concorso nazionale per l’accesso alle Scuole di specializzazione sarà telematico

PROTESTA GIOVANI SPECIALIZZANDO CONTRO TASSE BORSE DI STUDIO

Il concorso nazionale per l’accesso alle Scuole di Specializzazione in Medicina sarà telematico. E’ una delle novità sulla prova emerse durante l’incontro di ieri tra il Capo di Gabinetto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, gli studenti di Medicina, giovani medici, aspiranti specializzandi e il presidente del Consiglio nazionale degli studenti universitari.

Confermato che si tratterà di una prova per titoli e quiz e che si svolgerà ad ottobre 2014, come annunciato dal Ministro Stefania Giannini. Nel corso dell’incontro è stata illustrata la necessità di intervenire sul decreto già firmato con l’obiettivo di garantire lo svolgimento di un concorso di elevata qualità e, al contempo, il più rapido avvio delle Scuole.

La strutturazione della prova di specialità attualmente prevista non avrebbe consentito, per la sua complessità e la numerosità delle domande da produrre per più di cinquanta Scuole, di organizzare un concorso di qualità entro l’anno.

Il decreto non sarà comunque stravolto. C’è però la volontà politica di dare più peso, nel test, alla parte specialistica dei quesiti rispetto a quella generale. Il Miur sta lavorando ad un concorso in cui siano garantite la massima imparzialità e trasparenza. L’obiettivo è quello di definire il nuovo decreto entro la prossima settimana per poter comunicare quanto prima i suoi contenuti e consentire ai candidati di prepararsi al meglio.

Durante l’incontro è stato anche ribadito l’impegno di Viale Trastevere, di concerto con il Ministero della Salute, per aumentare il numero delle borse destinate agli specializzandi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La sentenza: insultare gli insegnanti è oltraggio a pubblico ufficiale

Next Article

Test Medicina: sei milioni di euro sborsati dagli 85mila aspiranti camici bianchi

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.