Imprenditori si diventa a scuola: in Alto Adige gli studenti fondano delle aziende in classe

imprenditori in classe TIS innovation park

Imprenditori si diventa a scuola. Nasce così il progetto TIS innovation park e Fondazione Cassa di Risparmio che ha portato 350 studenti  altoatesini delle classi quarte e quinti a fondare diverse “student company”.

Un progetto partito già a gennaio di quest’anno, quando i ragazzi  si sono esercitati con ricerche di mercato, hanno scritto business plan e hanno analizzato il costo dei prodotti e dei profitti. Idee imprenditoriali che spaziano in diversi campi: dalle energie rinnovabili alle tecnologie alimentari, passando per servizi informatici per il turismo arrivando a prodotti per l’agricoltura.

“Per gli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori non è facile decidere cosa fare dopo la maturità – ha dichiarato Gerhard Brandstätter, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio – “Grazie a “Camp for Company” fondano un’azienda a scuola sotto la guida di giudice tutelare, la cosiddetta “student company”. Possono così misurarsi con il mercato, interagire con il mondo imprenditoriale e capire meglio che piega far prendere al loro futuro”.

Un’iniziativa nata sulla scia di quanto già succede in Norvegia dove più del 20% delle persone tra i 25 e i 34 anni che hanno partecipato ad un programma di formazione sull’imprenditorialità è diventato un imprenditore.

“Alla fine del progetto i ragazzi, affiancati fin dai primi passi da esperti del settore, possono decidere se proseguire la società in altre forme o chiuderla” spiega il coordinatore dei lavori Mario Farias del TIS innovation park.

Per avere maggiori informazioni sul progetto andate al sito di TIS Innovation Park

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Telethon, nuova sede a Pozzuoli: più ricercatori sulle malattie genetiche

Next Article

Programme Eiffel: 400 borse da 1.400 euro per studiare in Francia

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.