Il MIUR al fianco di Libera: “Mai più vittime delle mafie”

don ciotti

Anche il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini sarà presente questo pomeriggio alla veglia di preghiera presieduta da Papa Francesco per le vittime innocenti delle mafie. La veglia è prevista alle 17.30 nella Chiesa di San Gregorio VII a Roma. Il Santo Padre incontrerà l’associazione “Libera” di Don Luigi Ciotti che questo pomeriggio è stato ricevuto dal Ministro Giannini per fare il punto sull’impegno delle scuole nella diffusione della cultura della legalità.

“Ho accettato molto volentieri l’invito di Don Luigi Ciotti che sarà dal Pontefice insieme ai familiari di chi è stato ucciso dalla malavita organizzata – spiega il Ministro Giannini -. Anche il Miur farà la sua parte per la celebrazione della diciannovesima edizione della Giornata nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”.

“Il 22 marzo numerose scuole parteciperanno alla marcia in programma a Latina. Con una circolare abbiamo invitato tutti gli istituti a partecipare alle iniziative messe in campo da Libera. L’adesione del Miur non è simbolica ma è il frutto di una precisa visione: la cultura della legalità si costruisce fra i banchi e giornate come quella del 22 marzo sono un pezzo importante di questo percorso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giannini: "Cambiamo la scuola rompendo un tabù: puniamo gli insegnanti incapaci"

Next Article

Redditi: Non è un Paese per laureati

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".