Il divieto di fumo? Anche negli stadi, nelle stazioni e nei giardini pubblici

fumo-le-nuove-misure-dell-unione-europea_2764

La maggioranza degli italiani ritiene utile l’estensione del divieto di fumo anche alle fermate degli autobus, negli stadi e nei giardini pubblici. E’ quanto emerge dall’indagine commissionata dall’Istituto superiore di sanita’ e condotta dalla Doxa sulle abitudini di tabagismo degli italiani, illustrata dal presidente dell’Iss Fabrizio Oleari durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ‘sFreccia contro il fumo’.

”Sono state poste due domande: ‘cosa pensa dell’iniziativa di vietare le sigarette elettroniche a bordo dei treni?’ e ‘cosa pensa rispetto all’estensione del divieto di fumo nelle stazioni’. Rispetto al divieto di usare la sigaretta elettronica sui treni – ha spiegato Oleari – sono favorevoli il 53,2% di tutta la popolazione intervistata ed il 42,6% dei fumatori.

Sono invece favorevoli all’estensione del divieto di fumo nelle stazioni il 60,6% degli intervistati e il 31,4% dei fumatori”. Il 53,8% degli intervistati e’ favorevole al divieto di usare la sigaretta elettronica in luoghi pubblici chiusi (come i bar), mentre lo e’ il 43% dei fumatori.

Piu’ in generale, la maggioranza di tutta la popolazione intervistata ritiene utile l’estensione del divieto di fumo alle fermate degli autobus (59,7%), negli stadi (64,1%) e nei giardini pubblici (60,1%), mentre lo e’ circa un terzo dei fumatori (28,3% per gli autobus, 35,8% stadi e 33,2% giardini pubblici). Infine l’estensione del divieto alle aree aperte degli ospedali trova favorevole il 72,4% della popolazione e il 52,8% dei fumatori; nei cortili delle scuole l’80,2% della popolazione e il 66,7% dei fumatori.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Io vieterei sono per chi fuma con nicotina, mentre per chi fuma la sigarette elettronica senza nicotina dovrebbe poter fumare, è solo vapore acqueo

    Vi consiglio questo shop online di sigarette elettroniche

Lascia un commento
Previous Article

Pistorius sull'orlo della bancarotta

Next Article

Arriva il viagra per le donne!

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".