Il Cern a pochi istanti dal Big Bang: record d'energia prodotta nella collisione tra ioni

A pochi istanti dal Big Bang: la nuova frontiera che si apprestano ad esplorare i ricercatori del Cern di Ginevra. Parte in questi giorni, infatti, una nuova fase di sperimentazione dell’acceleratore LHC che utilizzerà una quantità d’energia mai prodotta prima dall’uomo e ricreerà le condizioni dell’universo così come sono esistite a pochi istanti dall’origine del cosmo.
Protagonisti di questa nuova fase saranno degli ioni “pesanti” (ioni di piombo composti di 82 protoni e 126 neutroni) che verranno lanciati nella beam pipe dell’LHC, il tunnel sotterraneo di 27 chilometri di lunghezza composto di superconduttori magnetici.
L’effetto delle collisioni di questi ioni di piombo a 5 TeV per nucleone produrrà un’energia pari a circa il doppio di quella utilizzata negli esperimenti del Cern che hanno portato alla scoperta del Bosone di Higgs. L’energia totale di collisione di ioni piombo è di 1045 TeV e sfonda simbolicamente la barriera di 1000 TeV o 1 PeV (Peta elettronvolt). Si hanno, quindi, 5,02 TeV per ciascuna collisione nucleone-nucleone, la più alta mai raggiunta in laboratorio in collisioni tra nuclei.
“Esploreremo la materia a uno stadio molto precoce del nostro universo – ha spiegato Rolf Heuer, direttore generale del Cern – È tradizione far collidere gli ioni per circa un mese ogni anno come parte del programma di ricerca di LHC. Quest’anno, però, è speciale, perché raggiungiamo una nuova energia ed esploreremo la materia a uno stadio molto precoce del nostro universo”.
Le collisioni verranno fotografate da enormi macchine fotografiche (grandi come una cattedrale) posizionate in punti specifici del tunnel e permetteranno di osservare uno stato della materia denominato plasma di quark e gluoni, esistito una sola volta nella storia dell’universo, a pochi milionesimi di secondo dal Big Bang.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 26 novembre

Next Article

Cnr: trovata una nuova sostanza in grado di bloccare i tumori

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.