Il 5 maggio scendono in piazza anche studenti e lavoratori

Il 5 maggio studenti e lavoratori saranno in piazza, nella giornata di sciopero generale. “La riforma della scuola proposta dal Governo va in una chiara direzione privatistica ed autoritaria” – scrivono gli studenti di Rete della Conoscenza al Corriere dell’Università

“Le notizie che stanno emergendo sulla futura riforma dell’università sono infatti preoccupanti- dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK– l’aumento della quota premiale fino al 30%, che costringe alla competizione tra Atenei, e la probabile implementazione del “Prestito d’Onore”, che significa incrementare un meccanismo di indebitamento degli studenti e sollevare lo Stato dal dovere di garantire un diritto allo studio adeguato, rischiano di rappresentare il colpo di grazia per l’università pubblica italiana, già in grave difficoltà. Il modello di società, competitiva e diseguale, che ne risulta non può trovare il nostro consenso”.

“L’opposizione alle parole d’ordine imposte da questo Governo  – continua Campailla – parte ancora una volta dal mondo della formazione tutto e poi si estende a moltissimi altri soggetti che scendono in piazza il 5 maggio per chiedere un’inversione di tendenza che metta al centro il tema della democrazia, in Italia ed in Europa, e del diritto all’istruzione. Quella piazza parlerà anche della necessità di un reddito minimo e del tema del lavoro, precarizzato e svilito dalle politiche governative.”

La scuola è il luogo in cui si intrecciano le esigenze, le richieste e le speranze degli studenti e dei numerosissimi precari che ci lavorano, ma anche quelle di coloro che vorrebbero diventare insegnanti.

“Ormai da mesi LINK  – Coordinamento Universitario ha lanciato la campagna #iovoglioinsegnare, rivolta  a tutti coloro che vogliono abilitarsi ma che rimarranno tagliati fuori dalle magistrali abilitanti previste dal ddl scuola, essendo in magistrale attualmente o appena laureati. Abbiamo proposto da tempo diverse idee sul tema dell’abilitazione all’insegnamento, rimaste però completamente inascoltate.“

“Ancora più grave è che un tema delicato come l’abilitazione sia oggetto di una delega in bianco al Governo. Nei prossimi giorni rilanceremo la nostra campagna attraverso assemblee ed iniziative, coinvolgendo sindacati e “tieffini”, che sostengono gli emendamenti al DDL  presentati tramite diversi gruppi parlamentari. “

“La data fondamentale per la campagna #iovoglioinsegnare sarà proprio quella del 5 maggio – conclude Campailla – che rappresenta un passaggio fondamentale per ribadire che anche gli aspiranti insegnanti rifiutano un futuro incerto e precario e pretendono che il Governo apra un confronto vero sul tema dell’abilitazione con i diretti interessati.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eurostat: Italia ultima in UE per numero di laureati

Next Article

Migranti, il MIUR invia una circolare nelle scuole: "Approfondire e riflettere"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.