Idee da brevetto, il business delle invenzioni

archimede.jpgL’immagine che abbiamo degli scienziati che partoriscono invenzioni è sbagliata: in genere l’espressione che identifica l’inventore è “genio & sregolatezza”. Complice la letteratura (ma anche il fumetto), connotiamo la mente brillante come svagata e solitaria, magari anche incompresa.
A confutare questa percezione distorta della realtà ci pensa il recente studio di Alfonso Gambardella (Università Bocconi), Dietmar Harhoff (Universität München) e Bart Verspagen (Eindhoven University of Technology), una pubblicazione che analizza le determinanti del valore economico dei brevetti, dimostrando che le invenzioni di maggiore valore sono quelle frutto di maggiori investimenti. Si ribadisce, così, l’importanza degli investimenti in ricerca e sviluppo.
“Il business delle invenzioni”, scrivono i tre studiosi in Determinants of the Value of Patents, “è fatto di investimenti e capitale umano”. Anche le caratteristiche degli inventori, infatti, risultano determinanti, ma i più efficaci non sono i più eccentrici, come vorrebbe la vulgata popolare, bensì quelli che hanno già brevettato, in passato, invenzioni di valore.
Lo studio analizza più di 9.000 brevetti depositati da inventori francesi, tedeschi, italiani, olandesi, spagnoli e britannici e, per ciascuno, analizza le caratteristiche dell’organizzazione che l’ha promossa, le caratteristiche degli inventori, quelle del brevetto, dell’ambiente competitivo e del luogo in cui l’invenzione è stata sviluppata (ridimensionandone la rilevanza).
Ebbene, la dimensione degli investimenti nel progetto di ricerca e le caratteristiche individuali degli inventori coinvolti – in particolare il loro talento inventivo misurato dal numero di invenzioni che hanno brevettato in passato – risultano molto più importanti delle caratteristiche organizzative delle imprese o istituzioni che sviluppano l’invenzione.
In breve, ciò che conta sono investimenti e persone, indipendentemente da grandi algoritmi organizzativi o dal tipo di organizzazione o istituzione. Neanche l’efficacia dimostrata dalle imprese in passato, né le loro dimensioni risultano particolarmente rilevanti.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
1 comment
  1. • ciao…oggi giorno ci rimbambiscono con gossip,programmi redditizi(cosi vogliono farci credere),reality spioni, e altre stupidate, sempre e comunque per distoglierci dalla vita vera.
    Io sono realmente convinto che tutti noi abbiamo, chi più chi meno,un idea geniale da proporre e sviluppare, quindi oggi sono qui a indicarvi una piattaforma che potrà realizzare i vostri sogni.
    https://www.buildurdream.com
    sarà pronta fra qualche settimana e vi prego di gurdarla anche solo per curiosità….tutti noi abbiamo bisogno di un aiuto, ricordatelo!!! ciao a presto
    Dimenticavo qualsiasi informazione, consiglio, consulenza e altro contattate [email protected]
    ciao ragazzi

Lascia un commento
Previous Article

Profili commerciali alla Volkswagen

Next Article

Le lauree? Non sono tutte uguali

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".