I ricercatori: “Non lavoriamo mai”. Ma intanto il laboratorio brucia fondi pubblici

ricercatori
I ricercatori dei laboratori Pfizer durante una contestazione all’acquisizione avvenuta nel 2011 a opera della Myrmex

Ricercatori costretti a non lavorareSuccede a Catania, nel centro Myrmex: da due anni gli studiosi non mettono mano a nessun progetto di ricerca. Ma solo lo scorso agosto la Banca d’Italia ha erogato 3 milioni di euro a favore dell’Istituto 

 

Il caso: un centro di ricerca all’avanguardia, un laboratorio sovvenzionato con fondi pubblici nel quale sono impiegati 76 ricercatori, ma nessuno di loro lavora a progetti di ricerca e sono costretti a impegnare il tempo giocando a dama, guardando film o leggendo libri. È quanto succede a Catania, nel laboratorio Myrmex, centro tossicologico d’eccellenza fino al 2011 quando proprietà e gestione degli studi sono passati di mano.

A denunciare l’accaduto sono gli stessi ricercatori che, in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano, rivelano i retroscena del loro lavoro – fantasma: “La nostra ricerca, negli ultimi due anni, è stata realizzata solo sulla carta: a questo progetto non ho lavorato neanche un minuto. Ho firmato documenti nei quali dichiaravo d’aver lavorato molte ore: è falso. Ho firmato per timore di perdere il lavoro, non sono l’unico, ma ora sono stanco: aspetto che un magistrato mi convochi, per raccontargli tutto, spero che la Guardia di Finanza entri nei nostri uffici. Non abbiamo neanche i reagenti. Sono tutti scaduti. Di quale ricerca parliamo?”

Intanto, però, il laboratorio continua a ricevere finanziamenti pubblici: lo scorso 7 agosto, infatti, la Banca d’Italia ha versato nelle casse dell’istituto 3 milioni di euro, destinati a finanziare gli inesistenti progetti di ricerca. E gli stessi addetti ai lavori, ben 76 ricercatori, confermano lo stato di salute dei conti dell’ente: “Riceviamo regolarmente lo stipendio, ma molti di noi passano la giornata al pc, guardando film o leggendo libri”.

Una situazione su cui dovrà indagare la magistratura e che porterà a chiarire le responsabilità dell’accaduto.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nevada: tredicenne spara sui compagni a scuola. Ucciso un professore

Next Article

Classifica Università: "Italia fuori dalla top 100 perché troppo provinciale"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.