I blocchi del coronavirus stanno creando grandi sfide per gli studenti sordi costretti a lasciare il college

“La comunità dei sordi è una grande famiglia”, ha detto un consulente della Gallaudet University. “Ma è facile che ci dimentichiamo.”

Come migliaia di altri studenti universitari negli Stati Uniti, Gracie Kelleher si arrampicò per riempire il dormitorio di una tristezza sbalordita. A causa del coronavirus, la 22enne non riuscirà a trascorrere gran parte del suo ultimo semestre nel campus e una grande cerimonia di laurea sembra improbabile. Ma per lei, il drammatico cambiamento nella sua esperienza universitaria colpisce molto più duramente. Kelleher ha problemi di udito.

Il suo istituto, la Gallaudet University, è diventata una connessione e una risorsa culturale vitale che lei e circa 1.500 altri studenti non possono trovare da nessun’altra parte. Situata a Washington, DC, Gallaudet è l’unica università al mondo che opera in modo bilingue per gli studenti non udenti e con problemi di udito, offrendo tutte le lezioni e i programmi in lingua dei segni americana e inglese. Il suo corpo studentesco comprende persone provenienti da tutti gli Stati Uniti e da altri 25 paesi. Serve nuovi firmatari, nativi, studenti non vedenti e altri con bisogni speciali.

“Gli studenti vengono a Gallaudet e non si sentono considerati disabili o incapaci, ma invece sono noti per i loro risultati accademici, il loro senso dell’umorismo o qualsiasi altro fattore che ci rende umani”, ha detto Kelleher dal suo dormitorio ormai vuoto. “Gli studenti, i docenti e il personale di questa scuola sono qui perché fanno parte di un’unica comunità e cultura sorda”. L’università, dove poteva comunicare liberamente in ASL (American Sign Language, lingua dei segni), ha sostanzialmente cambiato la sua vita. La 22enne è stata finalmente in grado di studiare le cose di cui era appassionata (governo e spagnolo).

Sulla via del ritorno in Ohio, la giovane ha spiegato come lotta “con le aspettative del mondo dell’udito” perché è “un posto molto diverso dal mondo dei sordi”. “La mia famiglia non usa l’ASL, non l’ha mai fatto, e ora che uso principalmente l’ASL, andare a casa è una lotta. Comunicare con l’inglese può essere fatto e mia madre sta imparando un po ‘”, ha detto la ventenne. “In genere ho mesi per prepararmi a indossare il mio apparecchio acustico e parlare di nuovo ogni giorno, ma a causa di questo virus … ho avuto una settimana per prepararmi anziché mesi.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus: al via oggi contest #iononmiannoio sui social media di Roma Capitale

Next Article

Coronavirus, l'allarme Unesco: "Il mondo ha chiuso scuole e università"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".