Hong Kong, 200 borse di studio da 24 mila euro ciascuna per brillanti laureati

Il Research Grants Council of Hong Kong ha pubblicato il bando per il conferimento di 200 borse di studio a studenti meritevoli che vogliano frequentare il loro Phd in una delle Università dell’isola cinese: ai selezionati andranno 24 mila euro più 4 mila euro di rimborso viaggio.
Per l’anno accademico in corso, il  Research Grants Council of Hong Kong conferirà borse di studio sia nell’ambito delle Scienze mediche, ingegneristiche e tecnologiche, sia in quello delle scienze umanistiche, sociali ed economiche. A giudicare le candidature sarà, infatti, una commissione composta da esperti di settore sia umanistico che scientifico.
Criteri per l’elegibilità sono: eccellenza accademica; importanza della capacità potenziale di ricerca; capacità di comunicazione; competenze interpersonali; capacità di leadership.
La scadenza per presentare le proprie candidature è fissata al 1 dicembre 2015. Maggiori informazioni e l’application form per proporre la propria candidatura la potete trovare sul sito ufficiale del Research Grants Council of Hong Kong.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Global Teacher Prize: le storie dei 50 migliori docenti al mondo

Next Article

GreenJobs: 150 tirocini in azienda per giovani under 29

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.