Harvard: l’autismo? colpa dell’inquinamento

harvard e autismo

Donne incinte esposte ad alti livelli di inquinamento atmosferico sono due volte più a rischio di avere un bambino affetto da autismo rispetto a donne in stato di gravidanza che vivono in aree meno inquinate. E’ questa la conclusione a cui è giunta una ricerca della Harvard University, la prima ad analizzare a livello nazionale i legami tra inquinamento e disturbi dello sviluppo, pubblicata da Environmental Health Perspectives.

I ricercatori hanno usato i dati raccolti da un precendente studio, riguardante oltre 116.000 infermiere e avviato nel 1989, isolando 325 donne che hanno avuto un bambino affetto da autismo e 22.000 donne che hanno avuto figli senza alcun disturbo.

Per valutare la loro esposizione agli agenti inquinanti, gli studiosi hanno preso in esame i dati sull’inquinamento dell’Agenzia per l’Ambiente, combinandoli poi con altri fattori, quali reddito, livello di istruzione e fumo durante la gravidaza. Dall’analisi è quindi emerso che le donne che vivevano in aree ad alta concentrazione di particolati di scarichi di diesel o di mercurio erano due volte più a rischio di avere bambini autistici di quelle che vivevano invece in zone meno inquinate.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Carrozza sulla scuola: "Riformare il percorso. Gli ultimi due anni anche di tirocinio"

Next Article

Maturità: la carica dei 500mila. Ecco le comunicazioni del Miur

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".