Group Leadertra Londra e Dublino

Il Centro per l’impiego di Tivoli cura una selezione destinata a raccogliere candidature di giovani, dai 23 anni in su, per ricoprire il ruolo di animatore e group leader per minorenni dai 14 ai 18 anni in vacanza studio in Inghilterra.
Per proporsi come animatore è indispensabile avere il diploma di scuola media superiore; conoscere l’inglese e saper usare gli strumenti informatici saranno poi considerati elementi in più. Il contratto è di prestazione occasionale e prevede una retribuzione di 437 euro lordi per il turno di due settimane.
Le spese di vitto e alloggio sono a carico dell’agenzia per cui lavoreranno gli accompagnatori. Prima della partenza tutti i selezionati parteciperanno a un corso di formazione gratuito che avrà sede a Roma o a Tivoli.
I curriculum e le candidature devono essere presentate in un Centro per l’impiego della Provincia entro il 20 marzo. Info su www.provincialavoro.roma.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Meloni: una battaglia contro lo sballo

Next Article

Gli “invisibili” sfilano alla Sapienza

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.