Grecia ancora nel caos

grec.jpgGli studenti greci continuano la loro protesta per la morte del giovane Alexis Grigoriopoulos con mobilitazioni e aderendo a quelle dei lavoratori contro la crisi economica, mentre Atene sta tornando alla normalità e si prepara al Natale.
Con centinaia di scuole e università occupate, il movimento studentesco ha convocato per oggi nuove concentrazioni nella capitale e a Salonicco davanti a polizia e tribunali e si prepara a partecipare domani alle manifestazioni dei lavoratori contro la politica economica del governo. Queste coincideranno con un’astensione di tre ore dal lavoro del settore pubblico e privato in concomitanza con il dibattito in parlamento sulla finanziaria, criticata da sindacati ed opposizione.
Gli studenti insomma sembrano ignorare i timidi appelli al dialogo lanciati ieri dal premier, Costas Karamanlis, che ha chiesto scusa per gli scandali che stanno travolgendo il governo. Inoltre è di stamattina la notizia di un possibile rimpasto di governo, anche se, secondo la stampa locale, il premier non dà segno di voler dimettersi o convocare elezioni anticipate come chiesto dall’ opposizione di sinistra.
Ad Atene, al centro della piazza Syntagma, di fronte al parlamento, con una cerimonia presieduta dal sindaco Nikita Kaklamanis, è tornato intanto il grande albero di Natale bruciato durante i disordini dei giorni scorsi. La maggior parte degli esercizi commerciali danneggiati da molti giorni di disordini hanno riaperto le porte e gli affari sembrano essere ripresi sia pure con i dati di una crisi che non risparmia nessuno. Secondo l’Associazione dei commercianti, circa 500 negozi, banche, supermarket sono stati danneggiati più o meno gravemente con perdite superiori ai 200 milioni di euro. Il governo ha annunciato un pacchetto di aiuti al settore.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Progetti di dottorato per ricerche agroalimentari

Next Article

Padova, esonero tasse per chi è in dolce attesa

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).