Governo, Marco Bussetti all'Istruzione: ecco chi è il probabile nuovo capo del Miur

C’è accordo politico tra Movimento Cinque Stelle e Lega per la formazione del nuovo governo. Non sembrano esserci più ostacoli per Giuseppe Conte nuovo presidente del Consiglio. Per il ministero dell’Istruzione, il nome è quello di Marco Bussetti, provveditore agli studi a Milano.
Bussetti, attualmente responsabile dell’ambito X (Milano) dell’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, è un dirigente scolastico, laureato in scienze motorie, in servizio presso l’IC di Corbetta fino al 2011, e poi nominato (con decreti del Direttore generale dell’USR Lombardia) dirigente di vari uffici periferici, e dal 2015 dell’ambito X.
 

 
Presidente del Consiglio: Giuseppe Conte. Vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro e Sviluppo: Luigi Di Maio. Vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno: Matteo Salvini. Rapporti con il Parlamento e democrazia diretta: Riccardo Fraccaro (M5S). Politiche comunitarie Paolo Savona. Pubblica amministrazione: Giulia Bongiorno (Lega). Affari regionali: Erika Stefani(Lega). Sud: Barbara Lezzi (M5S). Disabili: Lorenzo Fontana (Lega). Esteri: Moavero Milanesi. Giustizia: Alfonso Bonafede (M5S). Difesa: Elisabetta Trenta (M5S). Economia: Giovanni Tria (Lega). Politiche agricole: Gian Marco Centinaio (Lega). Infrastrutture: Mauro Coltorti (M5S). Istruzione: Marco Bussetti (Lega). Beni culturali: Alberto Bonisoli (M5S). Salute: Giulia Grillo (M5S).
 

 
 
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Trip to the North, exploring Yorkshire

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 1 giugno

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident