Gli studenti criticano il DM: “Un grave ritardo, ripercussioni su moltissimi studenti”

alberto campailla

Pubblicato il Decreto Ministeriale di adeguamento degli Indicatori Isee e Ispe.  Un grave ritardo che può comportare gravi conseguenze per il diritto allo studio di moltissimi studenti. Ecco il commento alla redazione de Il Corriere dell’Università da parte dell’Associazione LINK – Coordinamento Universitario 

 

Per mesi il Ministero dell’Università e della Ricerca ha rimandato l’emanazione del Decreto Ministeriale relativo all’aggiornamento in base all’aumento annuale dell’inflazione delle soglie Isee e Ispe di accesso al sistema di diritto allo studio e degli importi minimi delle borse di studio per il 2014/2015.

“Con larghissimo ritardo – dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK – Coordinamento Universitario – e’ stato finalmente pubblicato il suddetto decreto.

Questa inefficienza rischia di comportare gravi conseguenze per il diritto allo studio per moltissimi studenti. Infatti in queste settimane diverse regioni, come ad esempio Puglia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e tante altre, hanno già pubblicato i bandi per le borse di studio ma con vecchi parametri. ”

Questo Decreto assume, specie in periodi di crisi economica, una forte rilevanza consentendo di non pregiudicare ulteriormente le condizioni economiche di migliaia di studenti e adeguando il sistema del diritto allo studio al costo della vita corrente.

“La Ministra Giannini la smetta di fare continui annunci su grandi riforme – conclude Alberto Campailla di LINK – quando non riesce neanche a rispettare alcune basilari scadenze, ed invece assuma le proposte degli studenti su accesso all’università, diritto allo studio e finanziamento come dirimenti.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

MIUR, ecco il Decreto Ministeriale sugli indicatori ISEE e le borse di studio

Next Article

Torino, sei nuovi laureati al Polo Universitario per studenti detenuti

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.