Giulia muore di tumore e l'Università le conferisce la laurea

Se n’è andata a 22 anni Giulia Romano, il 23 maggio scorso, per un tumore. Frequentava la facoltà di Lettere all’Università del Salento, le mancavano due esami e la tesi: sognava fare l’insegnante. Ma una malattia non gliel’ha permesso. Per ricordarla l’ateneo pugliese ha deciso che Giulia diventerà comunque dottoressa.
Giulia era una giovane di Imola, che viveva a Lecce e lì studiava Lingue, Culture e Letterature Straniere. Nell’autunno del 2017, la scoperta di un tumore. Poi le cure, il disperato tentativo di salvarle la vita. Il 23 maggio scorso però Giulia se n’è andata: le mancavano due esami e la tesi per laurearsi. Ma i suoi genitori hanno deciso che il suo sogno doveva diventare realtà. E ce l’hanno fatta: il 23 luglio per la prima volta nella storia l’Università del Salento conferirà la laurea post-mortem alla ragazza.
“Gliel’ho annunciato in ospedale” ha raccontato la madre Daniela “Non so se sia un caso ma in quel momento i battiti del suo cuore sul monitor sono aumentati”. Aveva scelto la laurea triennale perché sognava poi di fare l’insegnante, Giulia, una passione per i classici greci e una, sportiva, per la pole dance. “Mio marito e io sopravviviamo solo per il pensiero di averla avuta accanto nei 22 anni più belli della nostra vita”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 23 luglio

Next Article

Al via concorso per presidi: 34mila candidati per 2400 posti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".