Giovanni, Raffaele e Francesco: tre ricercatori italiani vincono il Best Paper Award dal Journal of Geophysics and Engineering

Scientist performing experiment

Tre ricercatori italiani del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Giovanni LeucciRaffaele Persico e Francesco Soldovier, hanno ricevuto il Best Paper Award dalla rivista il “Journal of Geophysics and Engineering”.

Gli studiosi hanno ricevuto il riconoscimento in qualità di autori di uno degli undici articoli premiati per la loro rilevanza scientifica e il loro impatto in termini di citazioni, in occasione del primo decennale della rivista.

L’articolo selezionato, dal titolo Detection of fractures from GPR data: the case history of the Cathedral of Otranto, riguarda la geofisica applicata ai beni monumentali. La ricerca, del 2007, si è focalizzata in particolare su un sistema di diagnosi non invasiva per lo studio dello stato di conservazione delle colonne ‘portanti’ nella cripta della Cattedrale di Otranto, in provincia di Lecce. L’aspetto innovativo dello studio è legato in particolare all’impiego di una procedura avanzata di data processing basata sulla tomografia a microonde, capace di ottenere immagini dello stato interno delle colonne facilmente interpretabili dagli utenti.

La ricerca, molto citata nella comunità scientifica, era già valsa nel 2013 al primo autore del lavoro, Giovanni Leucci, il prestigioso Best Geophysical Research Award presso la Iceland University.

JGEcover

CNR

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Veneto, Sardegna, Trentino: 98 posti per laureati in Infermieristica

Next Article

Maturità 2014: tempo di terza prova, tempo di "quizzone"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.