Veneto, Sardegna, Trentino: 98 posti per laureati in Infermieristica

laureati in scienze infermieristiche

Sono tre i concorsi banditi negli ultimi giorni dalle ASL e dalla Aziende Sanitarie di diverse Regioni italiane: in tutto 98 posti messi a disposizione per laureati in Infermieristica.

Cominciamo con L’azienda sanitaria autonoma della Provincia di Bolzano, che ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per coprire 78 posti di lavoro per infermieri.

Possono partecipare al bando coloro che hanno ottenuto il titolo di laurea di Dottore in Infermieristica (o titolo equipollente), iscritti all’albo professionale e che abbiano un attestato di conoscenza della lingua italia e di quella tedesca (una delle lingue ufficiali della Provincia autonoma di Bolzano).

L’assegnazione dei posti, infatti, prevede la seguente divisione: 54 posti riservati al gruppo linguistico tedesco, 23 posti riservati al gruppo linguistico italiano, un posto riservato al gruppo linguistico ladino.

Scadenza per partecipare al concorso è il 3 Luglio 2014. La domanda va inviata compilando il modello e seguendo le istruzione che trovate nel bando. Maggiori informazioni sul sito dell’Azienda Sanitaria di Bolzano.

Il secondo concorso è stato bandito dal comparto sanitario del Veneto: l’U.L.SS Alto Vicentino ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione a tempo indeterminato di 5 Collaboratori Professionali Sanitari – Personale Infermieristico – Categoria D. Anche in questo caso, i requisiti richiesti sono il diploma di laurea in infermieristica o titolo equipollente e l’iscrizione all’albo professionale.

Le domande di partecipazione al concorso per infermieri devono essere compilate secondo il modello e trasmesse entro il 7 Luglio 2014 secondo le modalità che trovate specificate nel bando. Maggiori informazioni le trovate sul sito dell’U.L.SS Alto Vicentino.

Infine, sono 15 i posti messi a disposizione dall’ASL di Cagliari, che ha indetto una procedura di selezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura di 8 posti di Collaboratore Professionale Sanitario – Infermiere Pediatrico – Cat. D. e  di 7 posti di Collaboratore Professionale Sanitario – Ostetrica- Cat. D.

In questo caso, il titolo di studio richiesto è quello di Laurea di primo livello in Infermieristica Pediatrica, ovvero Diploma Universitario di Infermiere Pediatrico, oltre all’iscrizione all’albo professionale.

La domanda va inviata utilizzando il modello che trovate nel bando e secondo le modalità ivi indicate entro e non oltre il 7 Luglio 2014. Maggiori informazioni le trovate sul sito della ASL di Cagliari.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Elda Morlicchio è il nuovo rettore de L'Orientale di Napoli. Per la prima volta due donne rettori consecutive

Next Article

Giovanni, Raffaele e Francesco: tre ricercatori italiani vincono il Best Paper Award dal Journal of Geophysics and Engineering

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.