Giovani al volante, il 57% usa il cellulare per leggere messaggi

Il 57% dei giovani automobilisti tra i 18 e i 24 anni confessano di usare il telefono alla guida per leggere o inviare messaggi (sms, Whatsapp, mail). Inoltre il 41% effettua chiamate senza vivavoce o auricolare e circa 1 giovane su 5 (20%) usa il telefono al volante per aggiornare i social o scattare selfie. Il ritiro della patente che potrebbe essere introdotto a breve non spaventa i trasgressori. Lo rileva l’indagine “Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani”, promossa dalla compagnia assicurativa online Quixa e condotta dall’istituto di ricerca Mps Evolving Marketing Research.
In generale – secondo l’indagine – circa il 96% degli intervistati, di tutte le fasce d’età, ritiene che l’uso dello smartphone al volante sia ampiamente diffuso tra gli automobilisti italiani. Solo il 23,5% confessa di telefonare senza vivavoce o auricolare e il 23% afferma di inviare o leggere messaggi (sms, Whatsapp, e-mail). Così per Quixa “sembra che sulle strade tutti guidino con il cellulare in mano ma nessuno voglia assumersene la responsabilità”.
E se nelle scorse settimane è stato annunciato un giro di vite che potrebbe portare all’introduzione di norme più severe, a partire dall’immediato ritiro della patente, di cui oggi è invece prevista la sospensione solo in caso di recidiva nel biennio, dall’indagine emerge che “solo il 22% degli italiani pensa che il ritiro della patente per coloro che vengono fermati mentre usano il telefono alla guida possa essere un deterrente efficace”. Risultano più utili l’aumento delle multe (dal 51%) e dei punti patente decurtati (27%). Il sequestro dello smartphone, che è ritenuto un buon deterrente dal 25% degli italiani, è giudicato inutile dagli under25: solo il 6,1% di loro lo promuove.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il prof. Fedez in lectio magistralis

Next Article

Maturità2017 tracce seconda prova: Seneca per latino, bici con ruote quadrate per matematica

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.