Futuro in ricerca

Nell’ambito del programma Futuro in ricerca 2010 il Miur sostiene le eccellenze scientifiche attraverso il bando aperto ai dottori di ricerca. Inviare le proprie candidature entro e non oltre il 16 dicembre 2010

Nell’ambito del programma Futuro in ricerca 2010 il Miur sostiene le eccellenze scientifiche attraverso il bando aperto ai dottori di ricerca.
Il progetto si articola in tre sezioni: linea d’intervento 1 – possono partecipare dottori di ricerca non strutturati che non abbiano già compiuto il 33° anno di età alla data del 23 novembre 2010 e che abbiano conseguito il dottorato di ricerca da almeno 2 anni e diffuso almeno tre pubblicazioni su riviste scientifiche; linea d’intervento 2 – il bando è rivolto a dottori di ricerca non strutturati che non abbiano compiuto il 36°anno di età alla data del 23 novembre 2010 ma che abbiano conseguito il dottorato da 4 anni e riprodotto almeno sei pubblicazioni su riviste scientifiche; infine linea d’intervento 3 – il bando è per giovani docenti o ricercatori strutturati che non abbiano già compiuto il 40° anno di età alla data del 23 novembre 2010.
Il Miur destinerà borse di studio non inferiori ai 20 milioni di euro per i migliori progetti che saranno inerenti ad un qualsiasi settore definito dall’European Research Council. Per partecipare è necessario inviare la propria candidatura entro il 16 dicembre collegandosi al sito del Miur nella sezione atti ministeriali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dottorato a Hong Kong

Next Article

Report Giovani cerca tre figure professionali

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.