Fumare potrebbe essere segno di disturbo mentale

Schermata 2013-03-29 a 11.27.58

Il fumo potrebbe essere segno di malattia psichiatrica. Come routine i dottori dovrebbero valutare se indirizzare i fumatori ai servizi di igiene mentale, nel caso in cui necessitino di una terapia: sono le controverse conclusioni – scrive The Times – della British Lung Foundation (Fondazione britannica del polmone), in risposta al rapporto “Smoking and Mental Health” (Fumo e salute mentale), pubblicato questa settimana dal Royal College of Physicians e dal Royal Collage of Psychiatrists assieme alla Facoltà di Salute pubblica britannica.

Secondo la relazione, almeno una sigaretta su tre in Gran Bretagna viene fumata da qualcuno che ha un disturbo mentale; se si includono le persone con problemi di alcol e droghe, la percentuale è ancora maggiore. Il fatto è che il numero dei fumatori si è quasi dimezzato negli ultimi cinquant’anni (passando dal 56 e 42% rispettivamente in uomini e donne negli Anni Sessanta, al 21% per entrambi i sessi oggi), ma il calo non è avvenuto in modo equo in tutti gli strati della società.

“Il fumo sta diventando sempre più il dominio dei più svantaggiati: i poveri, i senza-tetto, i detenuti e le persone con disturbi mentali. E’ un maledetto atto d’accusa contro le politiche sanitarie britanniche e i provvedimenti dei servizi ospedalieri”, secondo il rapporto. Dei 10 milioni di fumatori nel Regno Unito, tre milioni hanno problemi mentali, altri due si sono visti prescrivere psicofarmaci nell’ultimo anno e quasi un milione ha disturbi mentali cronici

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miracolo di Pasqua, si risveglia dal coma e chiede della sua bimba

Next Article

Scienze e matematiche, non sono materia appannaggio dei maschi

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.