Francesco Ubertini è il rettore più giovane d'Italia. Record per l'Alma Mater

Francesco Ubertini è il nuovo rettore dell’Alma Mater di Bologna. Al ballottaggio, il candidato di Ingegneria si è imposto su Gianluca Fiorentini, economista. Sono stati solo 73 i voti di differenza tra i due.
IL PROFILO – Nato a Perugia nel 1970, direttore del dipartimento di Ingegneria civile, chimica ambientale e dei materiali e professore ordinario di Scienza delle costruzioni, Ubertini diventa così il rettore più giovane d’Italia. Al ballottaggio ha totalizzato 1.420 voti contro i 1.347 di Fiorentini.
Praticamente inalterata l’affluenza: hanno votato in 4.568 tra docenti, studenti e amministrativi, otto in più rispetto al primo turno. Il neorettore entrerà in carica dal 1 novembre e guiderà l’ateneo fino al 2021.
«Sarò il rettore di tutti» ha detto Ubertini dopo la vittoria.  «La mia vittoria? più che di discontinuità, è di rinnovamento», ha annunciato. Cosa si prova a diventare rettore così giovane? «Una grandissima emozione, è stata davvero una bella avventura – ha ammesso Ubertini al Corriere. – Il risultato è stato di misura, avevo detto tra i 50 e i 100 voti e sono stato preciso. Però è stato un bellissimo segno, un’affluenza così alta è stata il segno di una comunità viva».
I COMMENTI– Al neoeletto sono arrivati anche gli auguri di Virginio Merola: «Caro Professore ti porgo i miei più sentiti complimenti – scrive il sindaco di Bologna- per l’importante compito che ti viene affidato. Sono certo che ci saranno numerose occasioni per lavorare insieme sui progetti per la città che coinvolgono Comune e Ateneo».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli aforismi dei filosofi antichi come antidoto alla crisi greca

Next Article

Sapienza, il racconto degli studenti. Quando il corso universitario funziona alla grande

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"