Formazione e lavoro alla Provincia di Roma

Bandi per oltre dieci milioni di euro per progetti e corsi di formazione per occupati e disoccupati, per l’alta formazione e per cittadini in condizioni svantaggiate.

Bandi per oltre dieci milioni di euro, provenienti dal Fondo sociale europeo, per il finanziamento di progetti e corsi di formazione per occupati e disoccupati, per l’alta formazione e per cittadini in condizioni svantaggiate come ex tossicodipendenti, vittime di tratta o immigrati richiedenti asilo.

La Provincia di Roma dà il via al nuovo programma per il triennio 2011-2013, durante il quale aziende ed enti di formazione potranno presentare all’amministrazione provinciale i propri progetti formativi ed essere finanziati.

“Malgrado le incertezze nel programmare lo sviluppo – ha spiegato Nicola, presentando i bandi nel centro di orientamento e lavoro ‘Porta Futuro’ a Testaccio – lanciamo un messaggio a sostegno di un impegno che vogliamo mantenere, cioè quello di offrire punti di riferimento. La formazione è uno dei pilastri fondamentali del modello di welfare ed è significativo presentare questi bandi a ‘Porta Futuro’, un luogo nato dalla volontà di ribellarsi alla logica della raccomandazione e di puntare al merito”.

Quattro i progetti legati ad altrettante categorie: occupati, disoccupati e inoccupati, alta formazione e cittadini in condizioni svantaggiate.

Ma la novità riguarda chi ha superato i 40 anni: i progetti dedicati a loro e a chi è a rischio espulsione dal ciclo produttivo riceveranno un punteggio maggiore, così come verranno premiate le proposte che riguardano i settori della riconversione ecologica, mobilità sostenibile, innovazione tecnologica, beni culturali, moda e comunicazione audio-video o progetti da realizzare in bacini produttivi in particolare crisi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Yves Bonnefoy dottore Honoris Causa dell'Orientale

Next Article

Ictus, un problema di tutti

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".