Festival Filosofia: borse di studio per laureati, laureandi, studiosi

Il Consorzio per il Festival Filosofia avvia una selezione per l’assegnazione di 10 borse di studio, da 400 euro ciascuna, a giovani laureandi, laureati e studiosi. Il Festival si svolgerà a settembre nelle città di ModenaCarpi e Sassuolo. È possibile inviare la domanda di candidatura alla selezione entro il 27 agosto 2018.
Per l’anno 2018, il 14 – 15 e 16 settembre, si alterneranno mostre, spettacoli, giochi, laboratori, film, cene filosofiche all’interno dei centri storici, delle piazze e dei cortili delle città, dove sarà possibile condividere nuove e interessanti esperienze culturali. Ente promotore del Festival Filosofia è il Consorzio per il Festival Filosofia, mentre Regione Emilia Romagna e Confindustria Emilia sono enti finanziatori dell’evento.
In occasione del Festival Filosofia, il Consorzio promuove l’assegnazione di 10 borse di studio, del valore di 400 euro, per la partecipazione alle iniziative dell’edizione 2018. Agli assegnatari si richiede la partecipazione ad almeno 10 iniziative filosofiche, tra cui lezioni magistrali, dibattiti e lezioni di classici. Il contributo sarà assegnato attraverso una selezione, il cui esito sarà stabilito entro il 3 settembre 2018.
Le borse di studio saranno assegnate a giovani laureandi, laureati o studiosi, di età inferiore a 35 anni (non compiuti alla scadenza del BANDO )
modulo-candidatura-festival-filosofia-borse-di-studio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

4 borse di studio da 18mila euro sulle politiche per il paesaggio

Next Article

Musical Annie: audizioni per giovani cantanti, ballerini, attori

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.