Festa di Halloween non autorizzata all’università: tre studenti condannati a 8 mesi. Dovranno pagare 6700 euro di danni

Si è concluso il processo di primo grado nei confronti di sette studenti che nell’ottobre del 2019 diedero vita a una festa non autorizzata nei locali dell’Università Statale di Milano con musica e vendita di alcolici. L’ateneo aveva chiesto un risarcimento di oltre 50mila euro.

Avevano organizzato una festa di Halloween all’università, imitando le serate piene di musica e divertimento che si vedevano nelle serie tv americane. Ai vertici dell’ateneo però “lo scherzetto o dolcetto” non è piaciuto e oggi sono stati condannati a 8 mesi di reclusione e al pagamento di quasi 7mila euro di danni. Si è concluso con tre condanne e quattro assoluzioni il processo milanese a carico di sette giovani che erano imputati per aver organizzato, il 31 ottobre di tre anni fa, in un salone davanti all’Aula magna dell’Università Statale di Milano una festa di Halloween.

Una festa in piena regola con tanto di discoteca e vendita di bevande alcoliche e super alcoliche, chiedendo tre euro per ogni ingresso. In particolare, tre giovani sono stati condannati (pena sospesa) per il reato di invasione di edificio, mentre sono stati assolti dalle altre accuse di deturpamento e imbrattamento e di “apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo” con le formule “per non aver commesso il fatto” e “perché il fatto non sussiste”. La Procura aveva chiesto per tutti e 7 condanne a 1 anno ma il giudice dell’ottava sezione penale Alberto Nosenzo, ha deciso di limare le richieste.  

L’ateneo milanese, che figurava come parte civile, aveva chiesto un risarcimento danni da 50 mila euro e il giudice ha disposto che i tre condannati debbano versare all’università circa 6mila e 700 euro. Nei capi di imputazione a carico dei sette giovani si contestava, tra le altre cose, anche di aver occupato la Statale per far esibire quella sera del 2019 “tre differenti artisti, disk jockey e band” con musica “trash/techno”.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Olimpiadi di Filosofia, Giulia fa vincere all'Italia la medaglia d'oro

Next Article

"No alla scuola-gabbia", proteste in un istituto romano dopo il trasferimenti di 90 studenti

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.