EU Placement apre all'Università di Pavia

L’Università di Pavia apre per gli studenti, “EU Placement” rivolto alle opportunità di stage e lavoro oltreconfine.

Nasce Eu Placement, orogetto di orientamento nasce dal Servizio Civile Nazionale, in collaborazione con il Centro Orientamento Universitario (C.OR.) e l’Ufficio Mobilità Studentesca, al fine di coordinare le competenze e professionalità dell’ateneo pavese, deputate all’orientamento al lavoro e al placement all’estero.
EU Placement rappresenterà un punto di accoglienza in cui studenti e laureati ricevono informazioni e consigli sulle opportunità di stage o lavoro all’estero.
Il servizio è offerto dai volontari del Servizio Civile Nazionale, che aiutano a individuare le offerte più in linea con il percorso accademico, gli interessi, le aspirazioni lavorative e le conoscenze linguistiche di ciascuno studente.
Inoltre, ogni settimana verrà pubblicato un Bollettino delle offerte di stage/lavoro all’estero, con una selezione divisa per Paesi e profili professionali.
Il bollettino è online sulle pagine dedicate al servizio EU Placement nel portale di Ateneo; il dettaglio delle offerte è disponibile in forma cartacea presso la bacheca del C.OR.
Oltre alle opportunità di stage e tirocini, la piattaforma digitale fornirà consigli utili per il “kit lavoro”: come affrontare con maggiore consapevolzza il colloquio di selezione, come redigere il curriculum vitae e la lettera di motivazione, in base ai diversi paesi di destinazione.
Il servizio EU Placement dell’Università di Pavia è aperto al pubblico dal 12 Aprile 2010.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Residenze universitarie

Next Article

Internazionalizzazione a Tor Vergata

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".