Esplode furgone-rosticceria al mercato. Tre morti e undici feriti

Sono tre i morti dell’esplosione di tre bombole di gas avvenuta intorno alle 12,15 in un furgone-rosticceria al mercato di piazza della Repubblica a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia.

boom

Sono tre i morti dell’esplosione di tre bombole di gas avvenuta intorno alle 12,15 in un furgone-rosticceria al mercato di piazza della Repubblica a Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Sul mezzo c’erano il titolare Francesco Mango e la moglie Teresa, ambulanti di Sant’Ilario, insieme alla figlia Rossana (28 anni) e la cognata (44 anni). Le tre donne sono decedute. L’unico sopravvissuto è proprio il titolare della rosticceria, trasportato in elicottero all’ospedale Maggiore di Parma con gravissime ustioni. Le sue condizioni sarebbero gravi.

LE VITTIME – I corpi delle povere vittime sono stati estratti poco dopo le 15,30. Si tratta di Teresa Montagna, 49 anni, originaria della Basilicata ma residente a Sant’Ilario, moglie del titolare, Francesco Mango, la loro figlia, Rossana Mango, 28, e la sorella della 49enne, Bianca Maria Montagna, 43, residente a Brescello (Reggio Emilia). La vittima più giovane si era da poco laureata in Giurisprudenza e faceva la pratica in uno studio di avvocati, ma il fine settimana aiutava i genitori nella loro rosticceria ambulante.

I FERITI – Oltre alle tre donne rimaste uccise, è di undici feriti il bilancio delle esplosioni. I casi più gravi riguardano due persone ricoverate in rianimazione all’ospedale di Parma ed una terza a Cesena.  “Sembrava un terremoto” hanno riferito alcuni testimoni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini formativi all’estero con il supporto del Comune

Next Article

Quei giovani capaci in Bricoman

Related Posts
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36