Epso, bando di concorso per l'assunzione di diplomati e laureati: stipendio da 3.200 euro

Assunzioni per laureati in diverse discipline con le istituzioni dell’Unione Europea: Epso, l’agenzia che si occupa del recruitment per le diverse istituzioni comunitarie, ha aperto due bandi per l’assunzione di Consulenti e Funzionari: previsti stipendi tra i 2.500 e i 3.200 euro mensili. Sedi di lavoro: il Lussemburgo e Bruxelles.
In particolare, Epso è alla ricerca di agenti Contrattuali nei settori delle finanze e della gestione di progetti, che potranno essere assunti nelle agenzie esecutive dell’Unione Europea, in Belgio e Lussemburgo, nell’ambito di programmi della Commissione europea relativi ai settori della ricerca, dell’istruzione, delle imprese, dell’innovazione, dell’energia, dell’ambiente e della salute.
Requisiti essenziali per presentare domanda, oltre alla cittadinanza di uno del Paesi della Ue, sono: la conoscenza almeno al livello C1 del QCER – Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue di una delle 24 lingue ufficiali dell’UE (compresa quella italiana); la conoscenza, corrispondenete almeno al livello B2 del QCER, di una lingua, differente dalla precedente, a scelta tra Francese, Inglese e Tedesco; il possesso del titolo di diploma o quello di laurea, anche triennale. Pregressa esperienza nel ruolo è gradita, ma non indispensabile.
Le sedi in cui verranno impiegati i funzionari e i consulenti sono:
–  Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA), Bruxelles;
– Agenzia esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) – Bruxelles;
– Agenzia esecutiva del Consiglio europeo della ricerca (ERCEA) – Bruxelles;
– Agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l’agricoltura e la sicurezza alimentare (CHAFEA)– Lussemburgo;
– Agenzia esecutiva per la ricerca (REA) – Bruxelles;
– Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti (INEA) – Bruxelles.
Le risorse selezionate saranno assunte con inquadramento nei gruppi di funzioni III e IV del personale dell’UE, a seconda del ruolo, e percepiranno una retribuzione mensile variabile, in base alla posizione, da 2.476,74 a 3.170,61 Euro, con orario full time da 40 ore settimanali.
La selezione avverrà in tre fasi: in primis lo screening delle candidature pervenute, poi un test via pc con domande a risposta chiusa, infine un colloquio orale vero e proprio per valutare competenze e motivazione dei candidati.
Al momento non è previsto un termine di scadenza per l’invio delle candidature. Per iscriversi all’offerta occorre compilare l’apposito form online (disponibili in lingua inglese, francese o tedesca). Per maggiori informazioni scaricate i due bandi Epso a questi link:
Bando Consulenti finanziari
Bando Consulenti di progetto

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Intervista al rettore Panizza (Roma Tre): "Borse di studio, è il momento di cambiare"

Next Article

Più teatro e cinema nelle scuole italiane: Franceschini e Giannini firmano il protocollo

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.