Enea cerca 1500 nuove figure tra Bologna e Frascati

Il DTT – Divertor Tokamak Test di Frascati è un nuovo reattore per la fusione nucleare sperimentale, grazie al quale, entro il 2025, sarà prodotta energia sicura e pulita da fusione nucleare. Per realizzarlo, oltre ai 250 milioni messi in campo dalla BEI nell’ambito del Piano Juncker della Commissione Europea, con la garanzia del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), sono stati stanziati altri fondi.
Ad esempio, il consorzio europeo per lo sviluppo della fusione nucleare EUROfusion sosterrà il progetto con 60 milioni di euro, a valere sui fondi Horizon 2020. Altri 80 milioni di euro saranno messi a disposizione, poi, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca scientifica e dal Ministero dello Sviluppo Economico, che investiranno 40 milioni di euro ciascuno. Inoltre, la Regione Lazio ha reso disponibili altri 25 milioni di euro per il DTT.
L’iniziativa avrà una importante ricaduta occupazionale, in quanto si stima creerà posti di lavoro per 1500 risorse. Di questi un terzo riguarderà inserimenti diretti, dunque assunzioni ENEA effettive, a cui si sommeranno altre opportunità di lavoro legate al progetto.
Altre opportunità di impiego saranno create, inoltre, grazie al programma di recupero del centro ENEA del Brasimone (Bologna), che l’ente ha avviato lo scorso anno per rilanciarlo e potenziarlo, anche in vista della futura collaborazione con il centro di Frascati per sviluppare il DTT. Nel polo emiliano saranno assunte circa 100 nuove figure, mentre altri 350 collaboratori saranno assunti entro il 2021 nell’ambito del piano triennale di sviluppo che l’ENEA sta portando avanti.

Vi ricordiamo che l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile è un ente di diritto pubblico nazionale che si occupa di ricerca e innovazione tecnologica. Realizza progetti, studi, prove, valutazioni, analisi e attività di formazione, e offre servizi alle imprese, alla pubblica amministrazione e ai cittadini. L’ENEA è sottoposta alla vigilanza del Ministro dello sviluppo economico e controlla l’Agenzia Nazionale Efficienza energetica e l’Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti.
Le selezioni per le assunzioni ENEA vengono effettuate mediante concorsi e avvisi pubblici. Gli interessati alle opportunità di lavoro ENEA possono visitare la pagina dedicata ai bandi ENEA (Lavora con noi) per prendere visione delle procedure concorsuali attive, che vi suggeriamo di monitorare per restare aggiornati sulle posizioni aperte.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quattro azioni per colmare il gap tra uomini e donne

Next Article

Firmato l'accordo "salva-precari": 24mila di ruolo, abilitati altri 30mila

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.