Emergenza educazione

Preside Corbi su questione educatori professionali:”stiamo cercando percorsi professionali ulteriori in attesa che il Miur sgombri il campo da ambiguità e opacità”.

Si avvicina il 25 febbraio, una data importante per gli educatori di matrice pedagogica che si riuniranno a Napoli in un congresso promosso dall’Associazione Pedagogisti ed Educatori italiani (APEI) per discutere del loro futuro e avanzare possibili proposte.

La facoltà di Medicina, con il suo corso in educatore professionale istituito dal decreto ministeriale n. 520 del ’98, è più forte. Ad ammetterlo è anche il Preside di Scienze della Formazione dell’Università Suor Orsola Benincasa Enrico Corbi (in foto) che si schiera, con il Rettore, al fianco di studenti e laureati dichiarando di essere disponibile ad organizzare presto una discussione pubblica. “C’è da sempre un’attenzione al problema – afferma il Preside – l’Università è dalla parte degli studenti, non più come accadeva fino a 10 anni fa in cui formazione e professioni erano lontane”.
Preside, cosa sta facendo in concreto l’Università?
“Stiamo puntando su due versanti. Primo, tentare di scardinare, entrare in una interlocuzione con il Miur se non altro per definire e sgombrare il campo da ambiguità e opacità. Secondo, stiamo cercando percorsi professionali ulteriori per l’educatore accanto a quelli tradizionali del terzo settore e dell’associazionismo. Una nuova prospettiva – anticipa Corbi – può essere quella dell’educatore penitenziario che segue non il detenuto ma il soggetto che sta praticando la misura alternativa, come quella per minori, nell’ottica del reinserimento nella società. Un percorso formativo interessante per il quale stiamo cercando di trovare un raccordo con le istituzioni onde evitare l’enorme contraddizione di formare e poi non reclutare nel mondo del lavoro”.
Una contraddizione ben nota ai laureati in scienze della formazione primaria, ad esempio, un esercito di oltre 20mila persone a livello nazionale, che, sebbene abbiano conseguito un titolo legale e abilitante, non ricevono tutt’oggi una riposta dallo Stato.

i.b.

Total
0
Shares
2 comments
  1. Salve, spero che in questo congresso si tenga sempre in considerazione:
    A) della distinzione tra educatori triennali (classe 18 e 19) e laureati in scienze dell’educazione v.o. quadriennali, indirizzo educatori professionali (quest’ultimi equiparati ed equipollenti a Pedagogia e Scienze Pedagogiche, quindi Pedagogisti!). Non vorrei “strane equipollenze” con lauree triennali che vadano a danneggiare notevolmente chi ha conseguito una laurea quadriennale-magistrale!
    B) di incrementare oltre la figura dell’educatore anche quella del Pedagogista (laurea scienze dell’educazione v.o., pedagogia v.o., scienze pedagogiche ed equipollenti) promuovendone l’inserimento lavorativo nelle strutture quali asl, scuole, tribunali, biblioteche etc.).

Lascia un commento
Previous Article

Stage in wind group

Next Article

Bijoux d’Autore

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".