Elezioni all’Università di Torino, domani secondo turno

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Fumata nera all’Università di Torino per l’elezione del nuovo rettore. Gianmaria Ajani si è confermato il candidato favorito, fermandosi però a 983 voti (il 46,4 %), 77 in meno rispetto ai 1060 necessari per diventare il nuovo magnifico.

Tra gli sfidanti Annamaria Poggi si è fermata a 398 voti, Vincenzo Ferrrone si è attestato intorno ai 340 voti; chiude Adalberto Merighi con 334 voti.

Il secondo turno, dunque, si svolgerà questa settimana, nelle giornate di mercoledì e giovedì. In quell’occasione uno dei candidati dovrebbe raggiungere la soglia del 50 %, per evitare il ballottaggio.

Alta, comunque, l’affluenza. Al primo turno ha votato il 73,8 % degli aventi diritto. Il quorum del 50 %, che destava preoccupazione alla vigilia, è stato largamente superato.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre, giovedì giornata di sport e festa

Next Article

Ascoltare musica è come fare sesso. Parola di ricercatore

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.