Egitto, Rettore Università Bologna: "Chiediamo con forza di riavere Zaky"

“C’è stata una grande risposta a questa manifestazione e mi fa davvero piacere. Questo è il nostro grande abbraccio per stringerci attorno a Patrick e per chiedere con forza di riaverlo al più presto a frequentare le nostre aule e la città di Bologna”. Cosi’ il rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, che ha partecipato al corteo per la liberazione di Patrick Zaky. “Io penso che questa sia una bellissima risposta – prosegue – e ringrazio i nostri studenti che hanno promosso quest’iniziativa, oggi, a cui abbiamo aderito con la determinazione di far sentire la nostra presenza al nostro studente e cittadino Zaky”.
Per il sindaco di Bologna, Virginio Merola: “Il governo italiano ritiri l’ambasciatore se è necessario: la questione non riguarda solo Zaky, è seria e riguarda la coerenza nel futuro degli Stati Uniti d’Europa”. “Zaky e’ uno studente che non ha nessuna colpa, vuole solo studiare e avere la libertà di dire ciò che pensa” aggiunge. “Aspettiamo il 22 perché l’Egitto capisca che è ingiusto quello che sta facendo: non è così che si preserva il Paese dal terrorismo” conclude.
“Ho pensato di dare la cittadinanza onoraria a Patrick, ma conferirla adesso sarebbe un atto in più, perché è già un cittadino di Bologna, in quanto studente della nostra Università, perché tutti i nostri studenti sono cittadini di Bologna”. “La cittadinanza a Patrick gliela conferiremo quando torna, per festeggiare” ha concluso suscitando l’entusiasmo degli studenti presenti che gli hanno tributato un lungo applauso.
adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dolce&Gabbana e Humanitas insieme per la ricerca sul coronavirus

Next Article

L'appello di 200 accademici: "L'università soffoca, disintossichiamola"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.