Educazione alla biodiversità

In nome del rispetto dell’ambiente e della sua salvaguardia, l’Università del Kansas (USA), organizza viaggi di ricerca sulle spiagge delle Isole Vergini, una delle zone del mondo in cui si è mantenuto un alto livello di diversità biologica, dove la conservazione del diritto naturale della terra è salvaguardato dal diritto positivo degli uomini.

Andrew Torrance, docente della Scuola di Legge dell’Università del Kansas, si occupa da 10 anni di biologia e diritto, mostrando “in loco” ai suoi giovani allievi le ricchezze naturali delle Isole Vergini e l’importanza di conservarne inalterato lo stato. “Nel 2000 feci il mio primo “viaggio – docenza” alle Isole Vergini insieme agli studenti del corso “Biodiversità:  Scienza, Politiche, e Diritto dell’Università. di  Harvard, presso cui insegnavo.

All’inizio non conoscevo molti esperti locali, ma, con il succedersi degli ann,i ho avuto modo di sviluppare e rafforzare relazioni con biologi, ambientalisti, proprietari terrieri, pescatori, politici, guardie forestali e marittime membri di organizzazioni non profit e avvocati. Questi esperti locali, insieme alla mia crescente familiarità con le isole, la loro biodiversità, le leggi e le politiche sulla biodiversità offrono agli studenti una ricca esperienza. Senza eccezioni, gli studenti considerano il viaggio, uno dei momenti più brllanti della loro formazione”.

Le Isole Vergini, ci spiega Torrance, costituiscono un vero e proprio laboratorio vivente dove esplorare e osservare il regno della biodiversità, tanto marino quanto terrestre. Isole della stessa dimensione e con la stessa natura hanno seguito uno sviluppo diverso.

Là dove l’uomo è intervenuto in modo invasivo, appropriandosi del territorio in modo autoritario, e senza rispetto per le differenziazioni naturali della terra, la biodiversità viene, “artificialmente” meno. Misuratore unico del diverso grado di biodiversità a seconda dell’intervento umano.

L’attrazione fatale con le Isole nasce da una visita del prof. Torrance ad una sua cara amica, ex compagna del college, residente in una delle Isole: “Fin dal principio mi resi conto che i miei studenti avrebbero potuto facilmente comparare la conservazione, lo sviluppo, le diverse traiettorie sociali e legali tra isole che distano semplicemente 20 minuti di ferry boa, una all’altra”.

Gli studenti si preparano alla singolare esperienza educativa itinerante attraverso letture “intensive” sulla legislazione che regola la biodiversità e sulle scienze naturali.

L’approccio reale e fisico con le tematiche analizzate “al chiuso” delle aule universitarie, rinvigorisce lo studio e ne aumenta la consapevolezza. Il prof. Torrance educa i suoi studenti al mantenimento dell’equilibrio dell’ecosistema, in piena armonia con il piano ambientale della presidenza americana, rivolto allo sviluppo sostenibile e al rispetto della salute del pianeta.

La diversità tanto in natura quanto nella società è, un valore e un diritto fondamentale, che va coltivato, protetto e conservato. Le lezioni comprendono un ampio ventaglio di tematiche legali, incluso la salvaguardia delle specie in via di estinzione, la conservazione della flora e fauna marina, l’uso della terra e il diritto internazionale sulla biodiversità.

La ricchezza biologica, la diversità genetica costituiscono il patrimonio naturale dell’Umanità. Gli studenti di legge per accedere al corso di Legislazione sulla biodiversità, devono prima avere superato il corso del Prof. Emerito Robert Glicksman’s, continua Torrance, autorità, a livello mondiale, di diritto ambientale e risorse naturali.

Ruolo privilegiato di condivisione del materiale e delle conoscenze, lo spazio virtuale della rete, tramite un apposito blog che viene aggiornato quotidianamente dagli studenti.

La molteplicità delle specie in natura e le variazioni di una stessa specie, garantiscono la stessa esistenza e, non sopravvivenza, dell’uomo.

Amanda Coccetti

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Andu, chi c'è dietro gli anti-ddl

Next Article

Proseguono le lezioni con Pagliara

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".