Eco-atenei a Copenhagen

Nell’ambito della trattativa Cop15, è stato presentato l’Indice sul clima 2010 del Germanwatch (indagine condotta annualmente dall’associazione tedesca in collaborazione con la rete delle associazioni ambientaliste) e l’Italia è risultata terz’ultima al mondo in soluzioni ambientali. Semaforo verde invece per quanto riguarda gli “eco-atenei” italiani.
Il rapido e continuo incremento di concentrazioni dei gas serra impongono politiche ambientali e soluzioni tecniche sia tecnicamente che economicamente accessibili. I progetti Albedo e Pipenet, elaborati dal CIRIAF (centro interuniversitario di ricerca sull’inquinamento da agenti fisici) dell’Università degli Studi di Perugia, sono stati presentati , tramite il rapporto scientifico pubblicato dal World energy council (Wec) -il più ampio forum internazionale di dialogo imparziale sul comune futuro energetico- e valutati come strategici e determinanti per la mitigazione dei cambiamenti climatici.
Si tratta del controllo dell’albedo (la luce visibile) e del sistema di trasporto innovativo Pipenet. Il controllo dell’albedo, per il quale esiste un brevetto italiano, è una tecnica di solare radiation management (Srm), aumentando l’energia solare, riflessa nello spazio (albedo) con l’impiego di superfici con un alto coefficiente di riflessione, si riduce la quantità di energia, assorbita dal pianeta e che contribuisce al suo riscaldamento.
Il sistema Pipenet, invece, destinato al trasporto ad altissima velocità di merci leggere (fino max 50kg), attraverso tubi ad aria compressa, fa risparmiare 4 volte energia rispetto a quella del trasporto su strada.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La SPO- Campania e le prospettive per l’orientamento

Next Article

Addetti under 30 per Acqua e Sapone

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.