Ecco la giunta Caldoro

La Regione Campania ha la sua nuova giunta. Dodici neo-assessori (una sola donna) politici, tecnici e docenti . Ecco la squadra di Stefano Caldoro.

La Regione Campania ha la sua nuova giunta. Tra i dodici neo- assessori ( di cui una sola donna) politici, tecnici e docenti universitari. Ecco la squadra scelta dal neo- governatore, Stefano Caldoro che mantiene ad interim la delega all’Agricoltura ed è commissario ad acta della sanità regionale:
Giuseppe De Mita  (nipote di Ciriaco), 42 anni, sarà il nuovo vicepresidente della
Giunta e avrà anche la delega del Turismo e dei Beni culturali;
Guido Trombetti, 61 anni, Rettore della Federico II avrà la delega all’Università e alla Ricerca scientifica;
Edoardo Cosenza, 52 anni, Preside della Facoltà di Ingegneria della Federico II , si
occuperà dei Lavori pubblici e Protezione Civile;
Sergio Vetrella, 63 anni, docente di ingegneria della stessa università,
si occuperà di Trasporti e Attività produttive;
Severino Nappi, 45 anni, docente in Calabria e già assessore alla Provincia di Napoli, avrà la delega al Lavoro;
Giovanni Romano, 48 anni, docente universitario avrà la delega all’Ambiente
Anna Caterina Miraglia, 53 anni, docente a Salerno, si occuperà di Istruzione;
Ernesto Sica, 39 anni, avrà la delega all’Avvocatura;
Pasquale Sommese, 54 anni, sarà Assessore al Personale;
Ermanno Russo, 54 anni, sarà Assessore all’Assistenza sociale, Demanio e Patrimonio
Marcello Taglialatela, 55 anni, avrà la delega all’Urbanistica e al Territorio;
Gaetano Giancane, 63 anni, generale della Guardia di Finanza, avrà il Bilancio.
Non mancano ovviamente polemiche e critiche.“Verificheremo il loro grado di autonomia dalle logiche di clientela; qualche assessore francamente improponibile, e qualche figura marcatamente politica, fanno dubitare che le presenze professorali possano ridursi a figure di pura copertura” ha incalzato il capo dell’opposizione Vincenzo De Luca.
Staremo a vedere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bullismo omofobico nella scuola

Next Article

Gli invitati alla festa culturale? Tutti: italiani e stranieri

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.