E ora alzate pure il volume

earphones.jpgUn gruppo di biologi dell’Università Statale di Milano, ateneo in stretta sinergia con la direzione generale sanità della Regione Lombardia, ha messo a punto un prototipo di auricolare (le cuffiette per ascoltare la musica) che riduce drasticamente le emissioni elettromagnetiche, anche fino all’80% in meno rispetto alle cuffie attualmente in commercio.
Lo studio, che ora ha anche portato al deposito del relativo brevetto, è stato condotto dal gruppo di Michele Mazzanti, professore di fisiologia del Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie della Statale. Le onde elettromagnetiche possono arrivare da diverse fonti: due esempi sono gli impianti per le trasmissioni radio-televisive e quelli per la telefonia mobile.
In particolare, gli scienziati della Statale hanno potuto confermare che c’è una interazione tra le onde elettromagnetiche generate dagli auricolari e alcune strutture biologiche vicine all’orecchio. “Nella sperimentazione associata alla scoperta, condotta sia su sistemi cellulari (in vitro) che su soggetti umani volontari (in vivo) – spiegano dall’ateneo – i ricercatori hanno messo in luce che, oltre a un’interazione a livello cellulare, il campo elettromagnetico prodotto dagli auricolari interferisce con i meccanismi della memoria a breve termine e con la memoria di lavoro”. Più nel dettaglio, “la misurazione dei campi elettromagnetici in auricolari ad altissima diffusione – spiegano i ricercatori – ha portato alla scoperta che la maggior parte di essi emette campi elettromagnetici nelle bassissime e basse frequenze che hanno potenze tra i 50 e i 150 microTesla. È stato dimostrato che a questi livelli di emissione le onde elettromagnetiche sono in grado di interagire con i tessuti biologici”.
Inoltre, lo sviluppo di auricolari sempre più adattabili e “comodi” per l’orecchio umano “ha portato un avvicinamento notevole tra il generatore di onde elettromagnetiche e il sistema di traduzione del segnale sonoro – proseguono – cioè le cellule nervose dell’orecchio interno. Se da un lato la riproduzione sonora ne ha guadagnato in qualità, questa vicinanza, dovuta a design sempre più sofisticati, costituisce sicuramente un fattore di rischio che si amplifica nel caso di utenti giovani in cui le distanze anatomiche sono minori.
Misurando l’emissione di onde elettromagnetiche generata da alcuni auricolari commerciali, i ricercatori – conclude l’università – hanno verificato che a volumi di riproduzione di suoni volutamente elevati (qualche decina di decibel) l’emissione elettromagnetica, compresa tra 0 e 1 centimetro dalla membrana dell’auricolare, risultava in alcuni casi con picchi superiori a 200 microTesla”: ovvero, da una a quattro volte la quantità di onde che sono in grado di interagire con i tessuti biologici.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglieri commerciali per il Gruppo Renault

Next Article

Opportunità nel settore dell'edilizia

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.