Due terzi dei fumatori infartuati, riprende a fumare dopo 1 anno

Schermata 2013-01-31 a 12.42.52

Due terzi dei fumatori di mezza eta’ che sono ricoverati per infarto acuto del miocardio ricominciano a fumare entro un anno, anche se trattati con un farmaco che riduce l’astinenza da nicotina. Lo ha scoperto uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

Nello studio un campione di 392 pazienti di eta’ media 54 anni e che fumavano 23 sigarette al giorno sono stati trattati con il farmaco o con un placebo. Al termine dello studio, durato un anno, l’astinenza era del 37% nel primo gruppo e del 32% nel secondo. In entrambi i gruppi il numero di sigarette fumate e’ sceso drasticamente, fino a otto di media: “Anche se una riduzione cosi’ grande e’ importante – sottolineano gli autori – i benefici per la salute di una completa astinenza sono molto maggiori. Evidentemente e’ molto difficile smettere e non c’e’ un ‘proiettile magico’, neanche sotto forma di un farmaco”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Jobsick, la prima webserie dedicata ad improbabili annunci di lavoro

Next Article

Concorsone, rischia di partorire nel giorno della prova. Nessuna tutela per un'aspirante prof

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".