Due studiose affermano: il paesaggio dietro la Gioconda è l’antico ducato di Urbino

Il misterioso paesaggio alle spalle della ‘Gioconda‘ di Leonardo da Vinci e’ quello dell’antico Ducato di Urbino e del Montefeltro.

E’ quanto sostengono nel libro ‘Codice P: Atlante illustrato del reale paesaggio della Gioconda’, pubblicato da Mondadori Electa, la pittrice e fotografa di paesaggi Rosetta Borchia e la docente di Geografia fisica all’universita’ di Urbino Olivia Nesci.

Total
0
Shares
1 comment
  1. Secondo personali ricerche, dopo tre anni di lavoro, sono arrivato alla conclusione che il paesaggio della Gioconda si trovi nella vallata dell’Arno, passato Firenze, prevalentemente negli attuali Comuni di Lastra a Signa e Signa. Tale tesi è supportata attualmente da 15 elementi di riscontro; ma non escludo di poterne aggiungere anche altri.
    Questa era una zona che Leonardo da Vinci conosceva molto bene,perchè la attraversava nel percorso Vinci-Firenze.
    Il paesaggio rappresentato è comunque un paesaggio complesso, non uniforme, di non facile interpretazione, perchè risulterebbe diviso in quattro scenari paesaggistici diversi; distinti ma nello stesso tempo collegati fra loro.
    Inoltre, se si considera il punto di osservazione del paesaggio corrispondente a dove è posizionata la Gioconda, ma guardando dalla parte opposta, si può ammirare uno stupendo panorama della citta di Firenze con in evidenza il Duomo con la famosa cupola, il Campanile di Giotto ed il Palazzo Vecchio.
    Non per altro furono costruite in epoca rinascimentale sulle colline di Lastra a Signa delle bellissime ville, dalle quali si può ammirare uno
    splendido e unico panorama su Firenze.
    Distintamente.
    Emilio Lazzeri

    Emilio Lazzeri

Lascia un commento
Previous Article

Google fa il bilancio del 2012: "Schettino" etra le parole più cliccate. Lo sport in cima agli interessi degli Italiani

Next Article

Fare sesso al risveglio aiuta l'umore e aumenta le difese immunitarie

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.