Due premi da 2.600 euro, li offre il CEI

CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, intende stimolare la ricerca in ambito accademico sui temi legati all’attività normativa nei settori elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni, industriale, commerciale e terziario. A tale scopo si è organizzato un concorso per l’assegnazione di tre premi per tesi di laurea dedicate in modo diretto a sviluppare ed approfondire tematiche connesse alla normazione tecnica nazionale, comunitaria ed internazionale.

Oggetto delle tesi potranno essere tematiche relative a ricerche volte alla definizione dei limiti di qualità e sicurezza da fissare nella normativa tecnica, all’attività di ricerca prenormativa o di indagine, ai sistemi di gestione per la qualità, l’ambiente e la sicurezza. Tali approfondimenti possono interessare qualsivoglia campo di applicazione delle norme: da quello strettamente tecnico o tecnologico, alle conseguenze sul piano giuridico, economico, sociale, storico, urbanistico, dei rapporti internazionali e dei costumi della società.
Al concorso possono partecipare tutti i laureati o laureandi delle facoltà di Ingegneria, Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche che avranno discusso la tesi e conseguito la laurea nel periodo dal 1 dicembre 2007 al 15 dicembre 2008. I tre premi offerti ammontano ognuno a 2.600 euro.
Una copia della tesi rilegata dovrà pervenire a mezzo raccomandata entro e non oltre il 23 dicembre 2008 alla Segreteria Organizzativa del Premio, sita presso il CEI, all’indirizzo via Saccardo 9, 20134 Milano, all’attenzione dr.ssa Silvia Berri. Per i laureati la tesi dovrà essere accompagnata dai seguenti documenti: domanda di partecipazione redatta in carta semplice, con titolo della tesi di laurea, data di discussione, nome e cognome del candidato, indirizzo e telefono; nota informativa del relatore che confermi la richiesta di partecipazione al premio su carta intestata dell’Università di appartenenza; dichiarazione dell’autore che la tesi non è stata pubblicata; certificato di laurea in carta semplice.
Per i laureandi la cui discussione della tesi sia prevista successivamente alla data di scadenza utile per l’invio valgono le stesse modalità di cui sopra tranne che per il certificato di laurea che verrà sostituito da un certificato di frequenza con elencazione degli esami sostenuti e relative votazioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Resta la lotteria dei test d'ingresso

Next Article

La Gelmini sale al Colle per illustrare il programma

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.