Dottori di ricerca? Meglio emigrare: “All’estero guadagnano il doppio”

dottori di ricerca

 

Trasferirsi all’estero conviene, specie per i dottori di ricerca. A dirlo è un’indagine Isfol che ha messo a paragone lo stato occupazionale degli studiosi italiani che hanno scelto di emigrare con quello di chi ha deciso, invece, di rimanere in patria. All’estero un dottore di ricerca guadagna, in media, il 13% in più; ma non è tutto oro quello che luccica: se in Italia si guadagna meno, nei Paesi stranieri, molto spesso, i ricercatori sono inquadrati con contratti flessibili che lasciano poche garanzie.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/04/08SI92126.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Oggi è il giorno dei Test: in 64mila per Medicina

Next Article

Test d'ingresso: la giornata degli studenti in diretta con tutti gli aggiornamenti su CorriereUniv

Related Posts
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".