Dottori di ricerca? Meglio emigrare: “All’estero guadagnano il doppio”

dottori di ricerca

 

Trasferirsi all’estero conviene, specie per i dottori di ricerca. A dirlo è un’indagine Isfol che ha messo a paragone lo stato occupazionale degli studiosi italiani che hanno scelto di emigrare con quello di chi ha deciso, invece, di rimanere in patria. All’estero un dottore di ricerca guadagna, in media, il 13% in più; ma non è tutto oro quello che luccica: se in Italia si guadagna meno, nei Paesi stranieri, molto spesso, i ricercatori sono inquadrati con contratti flessibili che lasciano poche garanzie.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/04/08SI92126.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Oggi è il giorno dei Test: in 64mila per Medicina

Next Article

Test d'ingresso: la giornata degli studenti in diretta con tutti gli aggiornamenti su CorriereUniv

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).