Docenti e studenti s'interrogano sul sisma

aquila332.jpgAnalisi, proposte e prospettive legate al terremoto, nell’incontro fra docenti e studenti della facoltà di Architettura dell’Università di Chieti-Pescara. Ma ci sono anche un blog e un gruppo di studenti su Facebook. Sono state le numerosissime richieste degli studenti che vogliono capire di più sul sisma che ha colpito l’Abruzzo, a far scattare l’interesse della facoltà di Architettura che, dando seguito al programma di iniziative sul terremoto partite dai giorni immediatamente successivi all’evento sismico, ha organizzato per domani – mercoledì 27 maggio, dalle ore 9:30 – presso l’aula rossa del Polo Pindaro a Pescara, un incontro dei docenti della Facoltà con tutti gli studenti sul tema del terremoto.
L’obiettivo, informano dalla facoltà, è spiegare “cosa è successo, perché è successo, e cosa bisogna fare affinché non succeda più”, lasciando ampio spazio alle domande degli studenti. Il blocco dell’attività didattica, previsto per domani, fa prevedere una partecipazione numerosa e attenta. L’incontro si aprirà con la testimonianza di una studentessa che ha vissuto in prima persona quei drammatici momenti e si articolerà in due parti:
Nella prima parte, verrà dato spazio all’accaduto e sono previste 4 comunicazioni programmate che, attraverso l’uso di immagini significative, cercheranno di dare risposta ad alcune domande:
1. Cosa sta succedendo sotto i nostri piedi?
2. Perché tanti danni agli edifici?
3. Cosa resta del patrimonio storico abruzzese?
4. In Italia la normativa sismica funziona?
Nella seconda parte si parlerà invece delle prospettive della ricostruzione dando largo spazio al dibattito, alle domande degli studenti e agli interventi dei docenti dal punto di vista delle loro competenze disciplinari.
Il blog. La facoltà di Architettura, fra le iniziative portate avanti dopo il terremoto, ha aperto un Blog che nasce con l’obiettivo di monitorare il processo di ricostruzione dei territori interessati dal sisma e di informare sulle attività che sta svolgendo la Facoltà di Pescara. Nel contempo attraverso il Blog si costituisce una rete di persone che a vario titolo operano per dare una mano alle popolazioni terremotate e per discutere su tematiche scientifiche attinenti. Studenti, ricercatori, professori, persone interessate, partecipano alle discussioni online, fornendo materiale documentativo, proponendo idee ed argomenti di discussione, o semplicemente lasciando un segno di solidarietà.
03:32_AQ, gruppo su FB. Gli studenti si affidano al social network più utilizzato per formare un gruppo con l’intento di “organizzare attività, promuovere iniziative, porre argomenti di discussione, servendoci delle straordinarie potenzialità della rete ed in particolare di Facebook”. Nato dall’iniziativa di alcuni studenti della facoltà di Architettura di Pescara l’indomani del terribile sisma che ha colpito l’Abruzzo il 6 aprile 2009, i futuri architetti dichiarano di voler “ seguire il processo di ricostruzione di L’Aquila e dei 49 comuni terremotati, tenendo alta l’attenzione anche quando inevitabilmente le luci delle televisioni di tutto il mondo si saranno spente”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ddl sull’Università, Andu all’attacco

Next Article

Camicissima apre nuovi negozi e cerca staff

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.