Disoccupazione giovanile al 41,6%: mai così alta dal 1977

disoccupazione giovanile

Disoccupazione giovanile – Istat: diffusi i dati provvisori sullo stato di occupazione nel nostro paese. Sale a novembre la disoccupazione che balza al 12,7%, segnando un +0,2 punti percentuali in termini congiunturali (era al 12,5% ad ottobre) e +1,4 punti nei dodici mesi.

Ai massimi dal ’77 quella giovanile, che tocca quota 41,6%, secondo le stime provvisorie dell’Istat. Il tasso dei senza lavoro dei 15-24enni, ovvero il numero dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 4,0 punti nel confronto tendenziale.

In un solo anno persi quasi 500 mila lavoratori: gli occupati, infatti, sono 22 milioni 292 mila, in diminuzione dello 0,2% rispetto al mese precedente (-55 mila) e del 2% su base annua (-448 mila).

Più colpiti gli uomini delle donne: i disoccupati nel nostro paese sono, in tutto 3 milioni 254 mila, in aumento dell’1,8% rispetto ad ottobre (+57 mila) e del 12,1% su base annua (+351 mila). E ad alimentare la crescita tendenziale sono più spesso gli uomini (+17,2%) che le donne (+6,1%).

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Gli insegnanti non dovranno restituire i 150 euro". Il governo interviene sul pasticcio MIUR-MEF

Next Article

Napoli, studente muore alla Federico II. Il racconto dei ragazzi: "Mancava il defibrillatore"

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).