Diritto allo studio. Polverini, approvato il piano triennale

Con il Piano triennale per il diritto agli studi universitari, approvato oggi dal Consiglio regionale, il Lazio si dota per la prima volta di un documento programmatico e di uno strumento fondamentale per rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano l’accesso all’istruzione universitaria, garantendo cosi’ un diritto indispensabile previsto nella nostra Costituzione” è quanto dichiarato dal Presidente della regione Lazio Renata Polverini

“Con il Piano triennale per il diritto agli studi universitari, approvato oggi dal Consiglio regionale, il Lazio si dota per la prima volta di un documento programmatico e di uno strumento fondamentale per rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano l’accesso all’istruzione universitaria, garantendo cosi’ un diritto indispensabile previsto nella nostra Costituzione” è quanto dichiarato dal Presidente della regione Lazio Renata Polverini in seguito al via libera del Consiglio regionale al Piano triennale degli interventi per il diritto agli studi universitari, gia’ approvato dalla giunta regionale lo scorso settembre.

“Ringrazio – ha aggiunto – tutto il Consiglio e la commissione competente per il lavoro svolto. Il Piano introduce significative novita’ come la messa a regime dell’anagrafe unica dello studente e la ‘Carta dei servizi’ ponendo lo studente ed il mondo universitario al centro della programmazione regionale, con un impegno finanziario consistente, che prevede oltre 233 milioni di euro nel triennio, destinati agli oltre 230mila studenti iscritti nel Lazio”.

fonte: Agi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In arrivo il cristallo fotonico: sarà il cuore dei pc del futuro

Next Article

Idee contro la crisi: mamma e figlia in azienda

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.