Diritto allo studio: con 1 anno di ritardo arrivano i fondi per i borsisti 2015

“Un ritardo inaccettabile”: duro il commento delle unioni universitarie all’approvazione del Fondo Integrativo di Stato per le borse di studio 2015, la cui bozza è stata approvata dal Consiglio Stato Regione solo lo scorso 5 maggio. “Questo grave ritardo dimostra come ci sia, da parte delle istituzioni, mancanza di attenzione su un tema così importante”, attacca Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale Udu.
Un’attesa che è sembrata infinita e che, a guardar bene, non si è ancora conclusa: ora che il Consiglio Stato Regioni ha approvato la bozza, infatti, questa dovrà essere prima pubblicata in Gazzetta Ufficiale e solo allora, il Miur, potrà trasferire i fondi direttamente alle Regioni che potranno così erogare i primi contributi per il diritto allo studio ai vincitori di borse nel 2015.
Ma sotto accusa non sono semplicemente i ritardi, anche i criteri di ripartizione, infatti, stanno causando non pochi squilibri: “I criteri di riparto del FIS, ormai gli stessi dal 2001, non possono considerarsi accettabili – spiegano dall’Udu – Le risorse statali, già esigue, continuano ad essere distribuite tra le Regioni sulla base di criteri premiali, che non tengono affatto conto del reale fabbisogno dei territori, determinando, in linea generale, il consolidarsi della posizione di difficoltà di determinate Regioni.  Bisogna invertire la logica del sistema di finanziamento: si deve prima determinare il fabbisogno di ogni regione, e sulla base di questo, lo Stato deve stanziare finanziamenti adeguati, creando così i presupposti per eliminare la figura dell’idoneo non beneficiario e determinare servizi uniformi sul territorio nazionale”.
Ad essere svantaggiate dalla ripartizione, per assurdo, sono proprio le Regioni del Mezzogiorno: “Nel complesso queste Regioni guadagnano alcuni milioni rispetto al 2014, ma la quota di finanziamento rapportata al numero di studenti resta sempre inferiore rispetto a quella del Nord e del Centro – spiega Jacopo Dionisio – Il FIS procapite del Nord è di 99 euro, contro i 108 degli studenti del centro e 89 del Sud”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 11 maggio

Next Article

Studio del Cnr: livello di istruzione viene condizionato da predisposizioni genetiche

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.