Diploma o laurea per l’innovazione digitale

Schermata 2013-04-12 a 10.42.40

Logotel inserirà con contratto di stage una risorsa under30 negli uffici di Milano

Spazio ai giovani under30, più precisamente ad una persona di età compresa tra i 25 ed i 29 anni per la posizione di Supporto innovazione digitale e project management in Logotel. L’azienda, attiva proprio in progetti legati all’innovazione collettiva nelle imprese, è alla ricerca di un profilo ibrido che sappia comprendere, seguire e guidare progetti innovativi dall’ideazione alla realizzazione.

Cosa vuol dire curriculum ibrido? Il futuro stagista deve avere formazione classica e più specifica (ad esempio un diploma di liceo umanistico e una laurea in design) o comprovate competenze su temi eterogenei rispetto al proprio profilo didattico.

Per l’attivazione dello stage è necessario non siano trascorsi più di 12 mesi dal conseguimento del titolo o in alternativa si tratti di una persona inoccupata o disoccupata da almeno 6 mesi.

A completare il profilo ideale si segnalano passione per tutte le forme di comunicazione fisica e digitale, conoscenza dei processi produttivi legati a progetti editoriali, capacità di progettazione di prodotti e servizi grafici e multimediali, conoscenza della lingua italiana e inglese, curiosità e propensione all’aggiornamento continuo, ambizione e desiderio di crescita professionale.

L’annuncio, con svolgimento mansione negli uffici di Milano, lo trovate qui:

www.logotel.it/posizioni-aperte

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In hotel, dalla cucina al personale

Next Article

Bari, ressa in stazione: studentessa morta investita

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.