Dieci punti per un’agenda digitale vincente

Schermata 2013-02-22 a 12.59.13

Dieci punti per ricucire il digital-divide e per proporre all’Italia un’agenda digitale vincente: a proporli sono i massimi esperti del settore in Italia. Sono cioè quelli che con la rete ci lavorano tutti i giorni.

Il manifesto è stato pubblicato infatti da Wwworkers.it, la community che raccoglie migliaia di persone che lavorano sul web.

La proposta è stata lanciata a pochi giorni dalle elezioni ed è rivolta esplicitamente ai politici italiani.

– Abbattere il divario digitale con copertura nazionale della banda larga e ultralarga;
– Promuovere il wi-fi e renderlo presente ovunque gratuitamente;
– Alfabetizzare al digitale;
– Digitalizzare il made in Italy;
– Liberare l’e-commerce;
– Ascoltare il mondo della rete;
– Rendere accessibili a tutti i dati e il sapere pagati con i soldi pubblici;
– Il diritto al tele-lavoro;
– Ripensare il welfare per includere l’eco-sistema digitale;
– Dare spazio alle nuove imprese.

Questi i punti del Manifesto dei Wwworkers che, insieme, combattono la crisi del Paese.
Della community, infatti, fanno parte realtà molto interessanti, come quella delle cento donne imprenditrici e titolari di piccole botteghe che, in Emilia, dopo il terremoto, hanno deciso di non arrendersi e hanno trasferito la vendita online.
E poi ci sono anche Erica e Marzia, che hanno fatto rivivere, grazie alla tecnologia, l’antico mestiere di cucinare “gofri”, e tanti altri utenti che grazie all’innovazione hanno dato risposte concrete alla disoccupazione giovanile.
L’8 e il 9 maggio 2013, tutti i lavoratori digitali si incontreranno a Bologna per il Wwworkers Camp. Si spera che riescano a portare avanti il loro manifesto e che riescano a pressare le autorità affinché si possa accelerare il processo di digitalizzazione del Paese.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bari, la truffa del contributo volontario: "Si rischia di perdere l'80% delle iscrizioni"

Next Article

Arriva la penna 3D che scrive nell'aria

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.